| Spiro nell’Egosistema |

Facebook Twitter Instagram YouTube Tumblr Soundcloud

| Spiro nell’Egosistema |

Spiro nell’Egosistema è il decimo capitolo della saga di Rèfles, un personaggio fittizio.

Egli è composto di emozioni represse, che sottoforma di plasma nero vagano in un’unica direzione per accumularsi in una massa liquida: il suo corpo. Nel tempo, ha acquisito una propria coscienza e vive in una dimensione parallela insieme ad altri Archetipi. Riesce a comunicare con gli esseri umani solo attraverso i sogni e l’arte.

Insieme ai compagni conosciuti nella foresta arriva a Vemetown, una città austriaca al confine con Ungheria e Slovenia, dove affittano una stanza d’albergo per la notte. Al risveglio, scopre di essere stato abbandonato lì col conto da pagare. Resta in città per quasi un anno, cercando di inserirsi e nascondere la sua vera identità, a volte dimenticandola. Viene accolto in modo freddo, anzi, non viene accolto per niente, ed è in una continua ricerca di occasioni per essere accettato e godersi una vita normale.

A volte si distrae passeggiando in aperta campagna, dove fa amicizia con un pastore, a volte va nel Pianeta Vena, una dimensione parallela scoperta per caso nei momenti di instabilità mentale. Su Vena non esiste aria, non esiste denaro e non esiste la morte, ed è abitato da amici immaginari con cui riesce a creare un ponte tra le due realtà. Si muovono indisturbati a bordo di un vascello fantasma chiamato Olandese Volante che sorvola di notte la città.

Vengono avvistati da una bambina. Si diffonde la voce dello straniero squilibrato e Spiro, non sopportando i pregiudizi decide di allontanarsi e cambiare strategia. Va nell’Artide, dove cerca di attirare le persone a sé con il rito dei tre chiodi.

| tracklist |

1. Spoiler
2. Filo Spinato
3. Il Corvo ed il Merlo
4. Idra
5. Storia di una Capinera
6. La Pellegrina
7. Zenit
8. Petrolio
9. Rivendico
10. L’Olandese Volante
11. Paziente Borderline
12. Il Precipizio
13. Preludio Numero Due
14. Artide
15. L’Alternativa

| Spiro nell’Egosistema su Bandcamp |

Scritto, prodotto, mixato e masterizzato da Emilio Larocca Conte.
Tranne che Il Precipizio, musiche di Andrea Cascini, e Preludio Numero Due, musiche di Johann Sebastian Bach.
Con Brendan Kuntz (batteria in Spoiler) e Gianluca Pellerito (batteria in Il Precipizio).

Artwork a cura di Giuseppe Cosentino.
Copertina tratta dall’opera “Muoio ogni giorno” di Emilio Larocca sr.

Pubblicato da Dimora Records e A/R Recordings.
Prodotto da Nilasphere.

Uscito il 14 Luglio 2021.

℗ 2021, Dimora Records, A/R Recordings
© Nilasphere. Tutti i diritti riservati